CONTATTACI
INFORMAZIONI

lepri.antonio@gmail.com

Tel:  +39 328 951 8185

Strabismo
 

Lo strabismo è una patologia caratterizzata da una deviazione manifesta degli assi visivi che non si intersecano nel punto di fissazione. L’asse visivo è una linea immaginaria che unisce il punto di fissazione (oggetto di interesse) con la parte della retina deputata alla visione distinta (fovea).

Uno o entrambi gli occhi possono essere deviati. La deviazione può essere verticale,orizzontale o torsionale.

Le principali forme di strabismo sono:

  • exotropia o strabismo divergente, quando l’occhio è deviato all’esterno

  • esotropia o strabismo convergente quando l’occhio è deviato all’interno

  • ipertrofia o deviazione verso l’alto di un occhio rispetto all’altro

  • ipotropia o deviazione verso il baso di un occhio rispetto all’altro

 

Lo strabismo inoltre può essere congenito, con insorgenza precoce o tardiva, costante o intermittente, ovvero che si manifesta in alcuni momenti della giornata, monolaterale, di un occhio solo, o alternante, che interessa entrambi gli occhi alternativamente.

 

I principali fattori legati allo strabismo comprendono anomalie dei muscoli oculari,difetti visivi per vizi refrattivi non corretti, piccole emorragie cerebrali post traumatiche, malattie vascolari, malattie infettive, degenerazione del sistema nervoso centrale, diabete.

 

Le alterazioni a carico dei bulbi oculari possono essere di natura paralitica (piena inefficienza di un muscolo oculare) o non paralitica (i muscoli sono tutti funzionanti ma viene a mancare l’equilibrio che regge il meccanismo della visione binoculare).

Il mancato allineamento degli assi visivi comporta confusione (simultanea percezione di due immagini sovrapposte ma diverse), diplopia (simultanea percezione di due immagini dello stesso oggetto).

Nelle forme infantili,per ovviare alla confusione e alla diplopia la corteccia cerebrale sopprime l’immagine proveniente dall’occhio deviato portando ad un alterato sviluppo della funzione visiva (ambliopia).

 

La terapia per il trattamento dello strabismo consiste in:

 

  • Correzione tramite l’uso costante delle lenti in caso di vizi di refrazione

  • Correzione tramite terapia antiambliopica che consiste in una occlusione diretta con bende adesive o filtri semitrasparenti sulle lenti

  • Lenti prismatiche

  • Correzione chirurgica praticato in anestesia generale nei bambini, locale negli adulti, finalizzato a ridurre e/o a correggere il disallineamento.