CONTATTACI
INFORMAZIONI

lepri.antonio@gmail.com

Tel:  +39 328 951 8185

Campo Visivo

 

Lo studio del campo visivo permette di valutare lo stato funzionale della retina e gli eventuali difetti delle vie nervose che originano dalla retina. La misura del campo visivo è propriamente detta perimetria . L'esame svolge un ruolo critico soprattutto nella diagnosi del glaucoma e nel monitoraggio della sua progressione: il glaucoma provoca restringimenti periferici del campo visivo (la cosiddetta 'visione a cannocchiale') che si evidenziano dopo anni dall'insorgenza della patologia.

L'analisi del campo visivo - oltre che in oftalmologia - è molto importante in neurologia in quanto permette di visualizzare i danni alle vie ottiche retro-bulbari e alla corteccia visiva provocati da patologie ischemiche, tumorali, traumatiche e neurologiche.

 

Si tratta di un esame semplice e non pericoloso, eseguibile anche sui bambini (da sei anni in su) e sulle donne in gravidanza. Il paziente, seduto e con il mento posizionato su un apposito supporto (lo stesso utilizzato in una normale visita oculistica), ha tra le mani un pulsante, che dovrà premere ogni qualvolta vedrà uno stimolo luminoso, di entità e grandezza variabile, sullo schermo dello strumento (perimetro). Dopo aver analizzato analogamente anche l'altro occhio, tutte le zone, viste e non, sono indicate in un tracciato che è subito esaminato dal medico. La durata totale di una perimetria e di circa 20 minuti. L'uso di apparecchiature computerizzate (perimetria computerizzata) consente di ottenere diagnosi molto accurate.