CONTATTACI
INFORMAZIONI

lepri.antonio@gmail.com

Tel:  +39 328 951 8185

Ultime News Dott. Lepri

Presentato il percorso sanitario nelle scuole della città e della zona pisana

February 26, 2019

Occhio pigro, come prevenirlo. Progetto per mille bambini

“Prevenzione sanitaria all’interno della scuole per avvicinare i bambini alla diagnosi precoce e ai percorsi di cura: questo è il progetto innovativo a cui ho iniziato a lavorare e di cui oggi presentiamo un primo importante risultato. All’interno di questo percorso innovativo, che verrà sviluppato gradualmente nel corso degli anni, si colloca il progetto rivolto alla prevenzione dell’occhio pigro nei bambini in età prescolare, che coinvolgerà un totale di mille bambini”.

Così l’assessore alle politiche scolastiche Rosanna Cardia presenta il percorso, in partenza per questo anno scolastico, che coinvolgerà tutte le scuole dell’infanzia del Comune di Pisa e dei 6 Comuni della zona pisana. “Il progetto – spiega Tania Terlizzi del CRED - ha infatti carattere zonale ed è finanziato nell'ambito del Programma Educativo Zonale, in parte dalla Regione Toscana e in parte dalla Conferenza dei Sindaci dell'educativo, organismo di cui fanno parte gli assessori all'istruzione dei 6 comuni di Pisa, Vicopisano, Calci, San Giuliano, Cascina e Vecchiano. Il progetto sarà realizzato nelle sezioni dei quattro anni delle Scuola dell'Infanzia della Zona e vedrà coinvolti circa 40 plessi scolastici”.

“L’ambliopia – spiega il professor Antonio Lepri - è una patologia oculare che comporta una diminuzione dell’acuità visiva monoculare o binoculare non correggibile mediante ausili ottici. L’ambliopia, conosciuta anche come “occhio pigro”, colpisce il 3­‐4% della popolazione infantile, portando a danni irreversibili, se non viene diagnosticata tempestivamente. Lo screening ortottico deve essere effettuato entro il 4° anno di età, periodo in cui il sistema oculare è ancora plastico e quindi suscettibile di eventuali mutazioni e miglioramenti”.

“L’intenzione – conclude l’assessore Cardia - è quella di utilizzare la scuola come istituzione che si faccia promotrice di percorsi di prevenzione sanitaria. Il progetto per la prevenzione dell’occhio pigro si colloca anche nell’ambito della prevenzione dei disturbi specifici dell’apprendimento, per cui esistono già dei percorsi di screening e individuazione nelle scuole primarie. Stiamo valutando insieme al Professor Lepri, che ringraziamo per la sua disponibilità e il suo sostegno a questo progetto, l’estensione del progetto relativo all’ ambliopia, in modo da andare oltre lo fase dello screening e includere nel percorso anche la prima visita e l’eventuale supporto oculistico, in caso di necessità”.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione del progetto, oltre all’assessore alle politiche scolastiche del Comune di Pisa Rosanna Cardia, il professor Antonio Lepri dell’U.O. oculistica Universitaria AOUP, le responsabili del CRED Tania Terlizzi e Valeria Salis e l’assessore ai servizi educativi del Comune di Calci Anna Lupetti.

Pubblicato uno studio in collaborazione tra CNR, Università di Pisa e Aoup

February 27, 2019

L’attività fisica migliora l’ambliopia negli adulti

L’ambliopia, detta anche occhio pigro, è un disturbo diffuso, causato da uno sbilanciamento in età giovanile dell’attività dei due occhi, indotto da varie cause: forti differenze nel potere rifrattivo dei due occhi (anisometropia), opacizzazioni della cornea, strabismo, cataratta congenita. La patologia determina una marcata riduzione delle capacità visive, in particolare dell’acuità visiva e della stereopsi (visione della profondità). Nel bambino è trattabile prima degli otto-nove anni di età, ma nell’adulto non è curabile a causa della riduzione dei livelli di plasticità cerebrale del cervello maturo.

Gli esperimenti condotti da Claudia Lunghi (ex-ricercatrice dell’Università di Pisa, ora all’Ecole Normale Superieure di Parigi) in collaborazione con l’équipe oculistica di Antonio Lepri dell’Azienda ospedaliera universitaria pisana e coordinati da Alessandro Sale dell'Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-In) e da Maria Concetta Morrone dell’Università di Pisa hanno dimostrato che è invece possibile ottenere un marcato miglioramento delle funzioni visive anche in adulti affetti da ambliopia. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista "Annals of Clinical and Translational Neurology".

“Gli studi che ho condotto su modelli animali hanno mostrato che l’attività fisica potenzia la plasticità cerebrale, ossia la capacità dei circuiti del cervello di cambiare struttura e funzione in risposta agli stimoli ambientali”, spiega Sale. “D’altro canto, gli studi effettuati dal mio gruppo su soggetti umani hanno evidenziato una plasticità visiva che si mantiene anche negli individui adulti e che agisce su tempi brevi: la chiusura temporanea di uno dei due occhi porta al miglioramento della percezione visiva in quell’occhio”, aggiunge Morrone. “Anche questo tipo di plasticità visiva, definita omeostatica, si potenzia in risposta all’attività fisica volontaria nelle persone sane”.
Nel nuovo studio è emerso che potenziando nell’adulto questa plasticità omeostatica con l’attività fisica si migliora in modo permanente la visione dell’occhio pigro. “Un gruppo di dieci persone ambliopi hanno trascorso, per tre giorni consecutivi, un breve periodo di deprivazione della visione dell’occhio ambliope stando seduti di fronte a un televisore, guardando un film e alternando, durante la visione, dieci minuti di pedalata alla cyclette con dieci minuti di riposo, per tre ore complessive”, raccontano i due studiosi. “La stessa procedura è stata ripetuta per altre tre settimane, riducendo il numero di giorni di trattamento per settimana da tre a uno. Ai soggetti di controllo è stata invece somministrata la deprivazione senza l’uso simultaneo della cyclette, quindi senza attività fisica”.
I risultati sono stati subito evidenti. “Quanti svolgevano attività motoria hanno mostrato un marcato recupero dell’acuità visiva e della stereopsi, effetto che si è mantenuto nel tempo ed è risultato presente anche dodici mesi dopo la fine del trattamento. I soggetti di controllo, invece, hanno evidenziato solo livelli di recupero trascurabili”, continuano i due ricercatori. 

Lo studio rappresenta la prima dimostrazione della possibilità di utilizzare i benefici dell’attività fisica per favorire il recupero delle funzioni visive in soggetti ambliopi, ma contiene anche un’altra novità. “La ricerca dimostra l’efficacia della chiusura dell’occhio ambliope quale strategia per favorirne il recupero”, conclude Sale. “Il paradigma più usato, in questo campo, prevede lunghi periodi di occlusione dell’occhio sano, per contrastarne la predominanza e favorire l’uso dell’occhio pigro. Il lavoro pubblicato mostra invece che la chiusura dell’occhio ambliope, se avviene in condizioni che favoriscono la plasticità omeostatica, offre scenari di trattamento insperati e ancora tutti da esplorare, anche se è effettuata per periodi di tempo molto brevi”.

1 / 3

Please reload

LE SEDI

 

 

 

Ottica INV

Via Venezia Giulia n 19 - Pisa   Visualizza mappagio

Su prenotazione il giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 19.00 o sabato mattina dalle 09.00 alle 12.45  pomeriggio dalle 14.30 alle 19.00

Casa di Cura San Rossore

Viale delle Cascine 152/F - Pisa,  Visualizza mappa

lunedì pomeriggio dalle 14.30 alle 17.00

Centro le Querciole

San Giuliano Terme:

Via di Cisanello 1/A, Ghezzano Visualizza mappa

mercoledì pomeriggio dalle 15.00 alle 19.00

Centro Medico Galeno 2000

Castelfranco di Sotto:

P.zza Giusti n 1, Visualizza mappa

giovedì pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00

 

Per appuntamenti nei centri contattare  il numero unico 328 9518185 dal lunedì al venerdì

MATTINA : dalle ore 9:00 alle ore 13:00

POMERIGGIO : dalle ore 15:00 alle ore 20:00